Laserterapia: tutte le patologie per cui è efficace

12 Febbraio 2019 - Terapie -
Condividi

Le influenze della laserterapia

In medicina, il laser è utilizzato per applicazioni chirurgiche (laser chirurgia) e terapeutiche (laserterapia). In particolare, la laserterapia è una terapia fisica che, impiegando il laser, può influenzare diversi meccanismi biologici del corpo:

  • riscaldando il tessuto, per un sollievo immediato da dolore e rigidità localizzati a livello articolare o muscolare;
  • stimolando la funzionalità vascolare locale, per rilassare la muscolatura e aiutare a ridurre infiammazione, edema e sintomatologia dolorosa;
  • promuovendo il metabolismo cellulare, per stimolare i processi di riparazione tissutale e ripristino funzionale.

Grazie ai suoi effetti su dolore, edema ed infiammazione, è una tecnica che trova ampio utilizzo in fisioterapia, riabilitazione e, più in generale, in ambito di pain management. 

 

Patologie che possono essere affrontate con successo con la laserterapia

  • PATOLOGIE OSTEOARTICOLARI, un gruppo di patologie che include problematiche con un alto impatto sulla qualità della vita e che affliggono in prevalenza la popolazione matura, come l’osteoartrosi e, in generale, il dolore articolare. Ad esempio, nel caso dell’osteoartrosi, la laserterapia è utile per affrontare diversi aspetti della patologia, con l’obiettivo di ridurre l’infiammazione della capsula articolare, alleviare la sintomatologia dolorosa, diminuire la disabilità funzionale (attraverso l’azione sulla muscolatura), ridurre l’edema periarticolare, contribuendo così a mantenere un buono standard di qualità della vita e moderando il ricorso a terapia antidolorifiche farmacologiche, che spesso si associano a effetti collaterali non trascurabili, specialmente nei pazienti più anziani e che assumono medicinali in modo continuativo per diverse patologie.
  • PATOLOGIE NEUROMUSCOLARI, condizioni di particolare interesse per la popolazione giovane e attiva, spesso associate all’affaticamento neurologico e muscolare od originate da infortuni sportivi. Ad esempio, le patologie neuromuscolari che interessano le zone lombare e cervicale della colonna sono molto comuni e ricorrenti, arrivando addirittura a compromettere la qualità della vita e la capacità lavorativa dei pazienti. Per la gestione del dolore, sono spesso usati farmaci anti-infiammatori sistemici, con i ben noti effetti collaterali, oppure terapie manuali, tra cui massaggi ed esercizio fisico. La laserterapia può essere utilizzata con un ruolo chiave nel piano terapeutico in virtù della sua azione sulla modulazione del dolore, sul rilassamento della muscolatura e sul miglioramento del microcircolo. Tutte queste azioni, oltre ad avere una valenza per sé, mettono anche il paziente in condizione di seguire al meglio e con continuità il piano di esercizio fisico, aiutando la muscolatura nel recupero dopo lo stretching e minimizzando l’affaticamento che può conseguire dall’attività fisica.
  • TENDINOPATIE, una famiglia che raggruppa problematiche dolorose che interessano i tendini e le zone annesse. Queste patologie sono molto comuni negli atleti, una popolazione sensibile alla possibilità di accorciare i tempi di recupero e tornare ad alte prestazioni. In traumatologia sportiva, gli effetti anti-infiammatorio, anti-edemigeno, e antidolorifico della laserterapia possono facilitare la risoluzione della sintomatologia dolorosa e della tumefazione locale, facilitando il recupero sportivo e accelerando il ritorno alle competizioni agonistiche. Un altro aspetto riguarda le tendinopatie generate dallo svolgimento di attività occupazionali che implicano movimenti ripetitivi, in cui viene compromessa, oltre alla qualità della vita in generale, la capacità lavorativa dei pazienti. In questi casi, oltre ai vantaggi già descritti, un recupero accelerato delle capacità funzionali consente di limitare le assenze dal lavoro.
  • EDEMI/EMATOMI, correlati rispettivamente a condizioni patologiche del sistema linfatico e circolatorio. L’edema è il risultato di uno squilibrio nel sistema di filtrazione tra gli spazi interstiziali e i capillari, in particolare il linfedema si presenta quando un fluido ricco di proteine si accumula nello spazio interstiziale. L’ematoma invece è una raccolta anomala di sangue al di fuori dei vasi sanguigni, prodotta in seguito a un danno a carico della parete di vene, arterie o capillari. L’azione della laserterapia sulla promozione della microcircolazione e del drenaggio linfatico può fornire un valido contributo al trattamento di queste condizioni, spesso associate a eventi traumatici.
  • LESIONI TISSUTALI, cioè i danni traumatici a carico dei tessuti molli che possono interessare diverse aree anatomiche. La riparazione dei tessuti passa attraverso precise fasi biologiche che devono susseguirsi in modo armonico per evitare riparazioni incomplete o fibrotiche. La laserterapia è una modalità di trattamento che può promuovere la guarigione dei tessuti e il recupero funzionale, grazie a specifici meccanismi biologici che si esplicano sia a livello tissutale (i.e. rimodellamento della matrice extracellulare, modulazione dei processi infiammatori, induzione della miogenesi), che cellulare (i.e. induzione dei processi differenziativi, promozione del rilascio di fattori di crescita e altre sostanze).

Potrebbero interessarti anche ...

Vedi tutti gli articoli

blog - 28/05/2019
A soffrirne una volta nella vita è il 10% degli italiani con ricadute sulla qualità della vita complici dolore e immobilismo legati al conclamarsi della patologia: la cervicalgia è tra le...
news - 17/07/2018
Nuoto, motociclismo, ma anche pallavolo e basket sono sport che con la stagione estiva trovano il culmine grazie alla possibilità di praticarli all’aria aperta. Queste attività...
Casi di successo - 12/03/2014
Il Dr. Ronald Lederman è un chirurgo ortopedico. Con uno staff di 25 persone, il centro Lederman utilizza tutti gli strumenti standard per alleviare il dolore e la guarigione. E ora offre qualcosa di...
Press - 12/12/2019
Anche il team di ASAcampus coinvolto nell’’esperimento XENOGRISS che sarà portato avanti durante la missione Beyond capitanata dell’astronauta italiano dell’Agenzia Spaziale Europea Luca Parmitano e...
Press - 12/12/2019
Il quotidiano piemontese La Stampa nella sua versione on line parla dell’esperimento XENOGRISS, tra gli studi che verranno svolti dell’agenzia spaziale italiana durante la missione Beyond sulla...
Press - 11/12/2019
A parlare del progetto, tra gli studi che verranno svolti dell’Agenzia Spaziale Italiana durante la missione Beyond, è il magazine on line spagnolo Denoticias.es.